Come calcolare il consumo di energia elettrica

Ogni elettrodomestico, piccolo o grande checchessia, nonché qualsiasi dispositivi elettronico una volta collegato alla rete elettrica consuma dei Watt che poi il nostro fornitore fatturerà nella bolletta della luce.

Il valore del consumo è calcolato in Kilowatt all’ora ed è sempre specificato sul device nonché sul manuale d’istruzioni.

Gli elettrodomestici che consumano maggiore energia elettrica sono quelli che generano energia termica, tra di essi troviamo:

  • Asciugacapelli
  • Tostapane
  • Termoventilatore
  • Stufa
  • Cucina
  • Scaldabagno
  • Climatizzatore
  • Forno a microonde
  • Forno
  • Fornetto elettrico

In tutti questi casi il valore del consumo viene ben evidenziato sin dalla confezione che dalla descrizione del prodotto.

Piuttosto differente il discorso sul consumo degli altri elettrodomestici.

Ad esempio un computer fisso/portatile consuma intorno ai 40 W come d’altronde un televisore a led sui 40 pollici.

Il risparmio è maggiore usando lampadine a led anziché quelle a incandescenza o a risparmio energetico.

Misuratore di consumo di energia elettrica

Purtroppo il contatore elettronico della luce è installato a pian terreno, ciò significa che la verifica dei consumi in tempo reale per chi abita ai piani diventerebbe praticamente irrealizzabile.

Oltre a fare dei calcoli mentali manuali è possibile installare un piccolo contatore all’interno della propria abitazione oppure, una scelta meno invasiva, è rappresentata dal misuratore di consumo di energia elettricache permette di sapere immediatamente il consumo nonché altre statistiche.

Si presenta con la forma tipica di una presa, simile a quella delle prese programmate, ed è fornito di un pratico display a cristalli liquidi dove leggere, e impostare, vari valori, quali:

  • Tensione ricevuta (220-230 V per gli impianti civili)
  • Corrente attuale (A)
  • Corrente massima (valore statistico, A)
  • Watt consumati attualmente (W)
  • Watt massimo (valore statistico, W)
  • Frequenza attuale (Hz)
  • Potenza attuale (cos phi)
  • Tempo di attività
  • Orario
  • Consumo totale di Kw
  • Spesa (previa configurazione del valore di Kw/h per euro in base alla fascia oraria/bioraria)
  • Indicatore visivo e acustico in caso di sovraccarico (previa impostazione dei limiti di corrente o dei watt).

Sul dispositivo è riportato il valore del carico massimo che è in grado di supportare, ad esempio: 16 A e 3.680 W.

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.